Pedodonzia: i denti dei bambini

La Pedodonzia è quella branca dell'Odontoiatria che si occupa della diagnosi, della prevenzione e della cura delle malattie odontoiatriche dei bambini.

L'attenzione è rivolta soprattutto alla prevenzione ed all'educazione del bambino per quanto riguarda l'alimentazione (zuccheri, caramelle...) e l'importanza dello spazzolamento, che deve essere vissuta innanzi tutto come piacevole gioco.

Durante la seduta, particolare cura è rivolta alla prevenzione delle lesioni cariose tramite eventuali applicazioni di fluoro, sigillatura dei solchi ed all'individuazione di anomalie di posizione dentale precoci.

Recarsi dal dentista deve essere per il bambino un’esperienza tranquilla e non traumatica. Per questo suggeriamo di far vedere ai vostri bimbi la deliziosa puntata in cui Peppa Pig, eroina dei bimbi più piccoli, si reca dal dentista con il fratellino e tutta la famiglia per una visita di controllo. 

Per i bimbi un po’ più grandi suggeriamo invece di seguire l’intramontabile serie di Esplorando il Corpo Umano, per la quale l’autore è stato insignito del premio Nobel per la medicina, che illustra in modo semplice ma assolutamente esaustivo e mai banale l’importanza della cura della bocca e dei denti.

Qualora vostro figlio abbia avuto un’esperienza traumatica dal dentista o sia semplicemente un po’ più ansioso o timoroso, possiamo rendere più tranquilla, rilassante e piacevole l’esperienza.

Possiamo ottenere tutto questo grazie all’ausilio di una tecnica largamente in uso negli Stati Uniti e che pratichiamo con successo, tra i primi in Italia, da oltre 25 anni nel nostro ambulatorio: la tecnica della Sedazione Cosciente con Protossido d’Azoto. 

Domande frequenti

A che età è opportuno sottoporsi alla prima visita odontoiatrica?

Si consiglia di programmarla intorno ai 3 anni per stabilire un primo approccio con il piccolo paziente che, insieme ai genitori, inizierà a prendere confidenza con l’ambiente odontoiatrico.

Durante il primo appuntamento si esamineranno con attenzione la forma del viso e delle arcate, le labbra e i tessuti molli e tutte le superfici dentali per poter formulare una diagnosi clinica completa.

Inoltre, si consiglieranno i genitori sulle corrette manovre igieniche domiciliari e su un corretto stile alimentare.

Qualʼè il momento migliore per iniziare un trattamento di ortodonzia nel bambino?

È variabile, spesso dipende dalla gravità della malocclusione. Si tende  a trattare precocemente, verso i 4-5 anni di età, le malocclusioni in cui è presente un difetto scheletrico che può aggravarsi con la crescita. Richiede un trattamento precoce ad esempio il morso incrociato che causa una latero-deviazione della mandibola, o la terza classe scheletrico-funzionale. Gli interventi precoci permettono inoltre il recupero dello spazio che si renderà necessario per la corretta eruzione dei denti permanenti.

Come posso proteggere dalla carie i denti del mio bambino?

Innanzi tutto portandolo regolarmente in visita per motivarlo all’igiene orale e per una diagnosi precoce di eventuali lesioni cariose.

Inoltre è possibile proteggere i denti con l’applicazione dei sigillanti dentali. La sigillatura dei solchi masticatori è un’importante strategia difensiva, che consiste nel proteggere dalla carie principalmente i solchi dei primi molari permanenti, che crescono intorno ai 6 anni. Si consiglia inoltre la sigillatura dei secondi molari permanenti, che crescono intorno ai 12 anni ed eventualmente anche quella dei premolari. Questo metodo consiste nell’applicazione di una resina fluida che penetra all’interno dei solchi e fessure del dente con lo scopo di proteggere lo smalto di difficile pulizia, dove possono annidarsi più facilmente i residui alimentari con conseguente formazione di placca batterica, che causa la carie dei solchi.

La prima visita dal dentista? A 3 anni con i genitori.